Amore, vedessi com’è bello il cielo in Via Margutta!

Una delle (si comincia sempre così quando si parla di qualcosa a Roma, perché c’è talmente tanto splendore che il superlativo assoluto è forse impossibile da usare) vie più belle della Capitale.

IMG_6988.JPG

Sei lì a passeggiare nella confusione di Piazza di Spagna, tra i negozi di Via del corso e Via del Babuino e basta fare qualche metro per ritrovarti in un pezzo di città che sembra isolarsi da tutto il resto. Sembra un piccolo nascondiglio anacronistico.

IMG_6989.JPG

Una di quelle vie che ti fanno pensare nel medesimo istante “non sembra di stare a Roma!” e “questa è la vera Roma!”.

IMG_7011

Ti innamori. Ti innamori di nuovo. E ancora. Un’altra volta.

IMG_7003IMG_7008IMG_6999

Ti perdi tra i dettagli più semplici, ma mai banali.

IMG_7009IMG_6997IMG_6996

Mi viene da canticchiare:

“Amore vedessi
com’è bello il cielo a via Margutta questa sera!
A guardarlo adesso non sembra vero che sia lo stesso cielo
dei bombardamenti e dei pittori,
dei giovani poeti e dei loro amori
consumati di nascosto in un caffè.

Amore vedessi
com’è bello il cielo a via Margutta insieme a te!
A guardarlo adesso non sembra vero che sia lo stesso cielo
che ci ha visto soffrire,
che ci ha visto partire,
che ci ha visto…”

Anche se non ricordo dove e quando l’ho sentita per la prima volta, mi risuona in mente, nella dolcezza romana e mentre ripasso per Via del Babuino per andare tra la folla di Piazza del Popolo o Piazza di Spagna, penso già che non vedo l’ora di “…ritornare a Via Margutta”, come ad ogni “Arrivederci Roma” che si rispetti.

IMG_6998

 

Annunci